Il Maestro Daniele Maffeis fra suoni, parole e immagini
Pomeriggio di studi
24 maggio 2024 ore 18.00
Salone Furietti - Biblioteca Civica Angelo Mai

BIOGRAFIA

5. LA RIFORMA CECILIANA

Nel 1936 il canonico Ascanio Andreoni, del Capitolo del Duomo e Rettore del
Seminario Milanese di Venegono, scopre le elevate competenze del Maffeis
organista e gli offre la cattedra di pianoforte, armonio e organo nell’Istituto
religioso da lui diretto.
Niente di più esaltante per il musicista: oltre ad un sicuro posto di lavoro,
nel Seminario avrà l’opportunità di essere introdotto nell’ambiente frequentato
dai massimi esponenti impegnati nella ricerca di nuove forme musicali,
più adeguate alle esigenze della Liturgia rispetto alle scadenti musiche troppe
volte imitanti arie da melodrammi.
Viene così a far parte del gruppo di compositori animato dall’Andreoni,
che prenderà il nome di Movimento Ceciliano.
Fra questi il suo primo modello, il Donini, poi Perosi, suo intimo amico,
Pozzoli suo professore, Ramella, Spinelli, Chiesa e altri.
Motivato dalle finalità che si pone la Riforma Ceciliana, compone le sue prime
musiche sacre.

> 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10