L’organo

L’ORGANO SERASSI
    

organo_001

 

L’organo ottocentesco fu acquistato nel 1853 dalla ‘Imperial Regia Fabbrica Nazionale Privilegiata dei Fratelli Serassi di Bergamo’ e collaudato lo stesso anno dal noto compositore V. Antonio Petrali.

Il precedente organo, intonato secondo il sistema barocco “a temperamento inequabile ” era in funzione dalla fine del XVII secolo. L’organo barocco fu venduto alla chiesa di S. Nicola da Tolentino in Nembro, dopo l’acquisto del nuovo nel 1853.

Nel corso di un secolo l’organo Serassi subì vari interventi di restauro conservativo, ma nell’anno giubilare 1950 fu sottoposto ad una radicale trasformazione nella meccanica e nel potenziamento dei registri da parte della ditta Piccinelli di Ponteranica che lo adeguò ai criteri ispiratori della Riforma Ceciliana. Fu collaudato il 15 maggio 1951 da Daniele Maffeis, il quale nel memorando concerto inaugurale tenuto da lui stesso insieme con un altro esponente ceciliano, Mons. Giuseppe Pedemonti, fece udire le rare potenzialità sonore dello storico e rinnovato strumento. Nel 1974 con un ultimo intervento di restauro l’organo fu riportato alle originali caratteristiche serassiane.

(da “La Chiesa Prepositurale di S. Maria Assunta e S. Ippolito di Gazzaniga – Appunti per una visita” di A. Ghisetti e A. Bertasa)

 

 pdf vedi disposizione fonica

 

organo_002